• Aggiungi al carrello
  • Vedi carrello
  • Help
  • Stampa
  • Invia a un amico

Insufficienza venosa cronica (IVC)

L'insufficienza venosa cronica (IVC) è una condizione che si verifica quando la parete venosa e / o le valvole nelle vene delle gambe non funzionano in modo efficace, il che rende difficile per il sangue il ritorno al cuore dalle gambe. L’IVC provoca un ristagno di sangue nelle vene degli arti inferiori, effetto "piscina", e questa condizione si definisce stasi ematica.

grafico interattivo

CAUSE

Le vene sono i condotti ematici che veicolano il ritorno del sangue al cuore da tutti gli organi del corpo. Per raggiungere il cuore, il sangue deve fluire verso l'alto attraverso le vene delle gambe. I muscoli del polpaccio e i muscoli dei piedi devono contrarsi ad ogni passo per spremere le vene e spingere il sangue verso l'alto, insieme ad altri due meccanismi deputati alla stessa funzione, la vis a tergo (forza di spinta del sangue proveniente dalle arterie) e l’effetto di aspirazione del cuore, il sangue raggiunge il cuore dalla periferia in generale e dagli arti inferiori nel caso specifico. Per mantenere l’effetto del sangue che scorre contro gravità le vene contengono valvole unidirezionali.

L’insufficienza venosa cronica si verifica quando queste valvole vengono danneggiate, permettendo al sangue di refluire all'indietro. Danni alle valvole possono verificarsi come risultato di invecchiamento, vita sedentaria o che preveda un prolungato stazionamento in posizione eretta (ad esempio lavori particolari) o una combinazione di invecchiamento e mobilità ridotta. Quando le vene e le valvole sono indebolite al punto in cui è difficile per il sangue fluire fino al cuore, la pressione sanguigna nelle vene rimane elevata per lunghi periodi di tempo, portando a insufficienza venosa cronica.

L’IVC si verifica più comunemente come il risultato della formazione di un coagulo di sangue nelle vene profonde delle gambe (malattia nota come trombosi venosa profonda (TVP)). L’IVC può risultare anche da tumori pelvici e malformazioni vascolari, e talvolta si verifica per motivi sconosciuti. L’insufficienza delle valvole nelle vene delle gambe porta a rallentamento del flusso di sangue delle vene, con conseguente gonfiore alle gambe.

L’insufficienza venosa cronica che si sviluppa come risultato di TVP è anche conosciuta come sindrome post-trombotica. Ben il 30% delle persone con TVP svilupperà questo problema entro 10 anni dalla diagnosi.

SINTOMI

La gravità dell’IVC, insieme alla complessità dei trattamenti, possono aumentare la progressione della malattia. Ecco perché è molto importante consultare il medico se si dispone di uno qualsiasi dei sintomi di IVC. Il problema non scomparirà da solo, e prima è diagnosticata e trattata la malattia, migliore la probabilità di prevenire gravi complicazioni.

I sintomi includono:

  • Gonfiore che interessa gambe e caviglie, soprattutto dopo prolungato stazionamento in piedi
  • Stanchezza delle gambe
  • Nuove vene varicose
  • Pelle coriacea sulle gambe
  • Desquamazione o prurito della pelle di gambe o piedi
  • Ulcere da stasi (o ulcere venose da stasi)

L’IVC, se non trattata, fa aumentare la pressione delle vene e il gonfiore finché i vasi sanguigni più piccoli nelle gambe (capillari) scoppiano. Quando questo accade, la pelle sovrastante assume un colore bruno-rossastro ed è molto sensibile alla rottura per urto o graffi. Può comportare infiammazione del tessuto locale e danni ai tessuti interni. Nel peggiore dei casi, questo porta a ulcere, piaghe aperte sulla superficie della pelle. Queste ulcere venose da stasi possono essere difficili da curare e possono infettarsi. Quando l'infezione non è controllata, può diffondersi al tessuto circostante, una condizione nota come cellulite.

L’IVC è spesso associata a vene varicose, attorcigliate, vene slargate vicino alla superficie della pelle. Possono verificarsi quasi ovunque, ma più comunemente si verificano nelle gambe.

FATTORI DI RISCHIO

Se si dispone di fattori di rischio per l’IVC, si hanno più probabilità di altri di sviluppare la malattia. I più importanti fattori di rischio sono:

  • Trombosi venosa profonda (TVP)
  • Vene varicose o una storia familiare di vene varicose
  • Obesità
  • Gravidanza
  • Inattività
  • Fumo
  • Prolungato stazionamento eretto o vita sedentaria  
  • Sesso femminile
  • Età superiore a 50

Si stima che circa il 40% delle persone negli Stati Uniti hanno IVC. Essa si verifica più frequentemente nelle persone oltre i 50 anni, e più spesso nelle donne che negli uomini.

Come viene diagnosticata l’IVC?

Ecodoppler dei vasi profondi

Per diagnosticare l’IVC, il medico indagherà la storia medica completa ed effettuerà un esame fisico. Durante l'esame fisico, il medico esaminerà attentamente le gambe.

Un test chiamato ultrasonografia vascolare o doppler può essere utilizzato per esaminare la circolazione del sangue nelle gambe. Durante l'ecografia vascolare, un trasduttore (piccolo dispositivo portatile) viene posto sulla pelle sopra la vena da esaminare. Il trasduttore emette onde sonore che rimbalzano dalla vena. Queste onde sonore vengono registrate e un'immagine del flusso viene riprodotta su un monitor.

data di ultimo aggiornamento: