• Aggiungi al carrello
  • Vedi carrello
  • Help
  • Stampa
  • Invia a un amico

Ipertensione arteriosa

L’ipertensione arteriosa è una patologia cronica in cui vi è una pressione del sangue nelle arterie costantemente superiore a 140/90 mmHg. L’eziologia è sconosciuta nel 90-95% dei pazienti ed è, pertanto, definita come “ipertensione essenziale”. Deve, però, sempre essere considerata la possibilità che l’ipertensione sia secondaria a fattori correggibili, specialmente in pazienti che manifestano tale patologia ad un’età inferiore ai 30 anni o superiore ai 55. La forma di ipertensione sistolica isolata (manifestata con pressione sistolica > 160 mmHg e pressione diastolica < 90 mmHc) è molto comune negli anziani ed è dovuta ad una ridotta compliance vascolare.

grafico interattivo

EZIOLOGIA E COMPLICANZE ASSOCIATE

Ci sono due tipi di ipertensione:

  • Ipertensione primaria (essenziale): per la maggior parte degli adulti non c'è alcuna causa identificabile. Questo tipo di ipertensione tende a svilupparsi gradualmente nel corso di molti anni.
  • Ipertensione secondaria: alcune persone hanno la pressione alta a causa di una specifica condizione di base. Questo tipo di ipertensione tende a comparire improvvisamente e a determinare valori pressori più alti di quanto non faccia l'ipertensione primaria. Varie condizioni e farmaci possono portare a ipertensione secondaria, tra cui: problemi renali, tumori della ghiandola surrenale, alcuni difetti congeniti di vasi sanguigni, alcuni farmaci come la pillola anticoncezionale, decongestionanti, antidolorifici e poi droghe illegali, come la cocaina e le anfetamine.

Le pareti delle arterie sono costituite da un tessuto semi-flessibile che si allunga come un elastico quando il cuore pompa il sangue attraverso di loro. Maggiore è la forza che pompa il sangue, più le arterie si stendono per permettergli di fluire facilmente. Nel tempo, se la forza del flusso sanguigno è spesso elevata, il tessuto che compone le pareti delle arterie si estende persistentemente oltre il limite fisiologico. Questo genera problemi in diversi modi.

Debolezze del sistema vascolare: l’eccessivo stiramento delle pareti dei vasi genera aree di debolezza nelle pareti che, in caso di alterazione della composizione della parete vascolare, può rompersi determinando uno stravaso di sangue, come accade negli ictus o nelle rotture di aneurismi.

Cicatrici vascolari: la tensione eccessiva può causare piccoli strappi nei vasi sanguigni che lasciano cicatrici sulle pareti delle arterie. Le microlacerazioni ed il tessuto cicatriziale diventano come reti in grado di catturare cellule circolanti, colesterolo o composti vari. Questo contribuisce alla formazione di placche ateromasiche nelle pareti delle arterie.

Aumento del rischio di coaguli di sangue: il sangue, a contatto con alterate superfici delle pareti delle arterie, può formare coaguli. Questi coaguli possono crescere al punto da ostruire il lume del vaso o possono staccarsi e andare ad ostruire dei vasi più piccoli a valle, determinando un’area di ischemia da assenza di flusso sanguigno.

Aumento della formazione di placca aterosclerotica: colesterolo e accumulo di placca nelle arterie occludono parzialmente o addirittura completamente il lume del vaso sanguigno impedendo il flusso del sangue attraverso di esso. Mentre questo accade, la pressione viene aumentata sul resto del sistema cardiovascolare, costringendo il cuore a lavorare di più per fornire sangue al corpo.

SINTOMI

La maggior parte delle persone con pressione sanguigna alta non hanno segni o sintomi, anche se i valori pressori raggiungono livelli pericolosamente alti. Sebbene alcune persone con stadio precoce della pressione arteriosa elevata possono avvertire mal di testa acuti, vertigini o epistassi (sanguinamento dal naso), questi segni e sintomi in genere non si verificano fino a quando l’ipertensione non ha raggiunto livelli severi e persistenti.

FATTORI DI RISCHIO

La pressione alta ha molti fattori di rischio, tra cui:

Età. Il rischio di ipertensione aumenta con l'età. Nella mezza età, il rischio di ipertensione è più comune negli uomini. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare l’ipertensione dopo la menopausa.

Razza. L’ipertensione è particolarmente comune tra le persone di razza nera,in cui spesso insorge in età più giovane di quanto non faccia nei bianchi. Anche complicanze gravi, come ictus e infarto, sono più comuni in questa popolazione.

Storia familiare. L’ipertensione ha un’incidenza maggiore tra figli di ipertesi.

Sovrappeso o obesità. Maggiore è il peso corporeo, maggiore è la necessità di ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti. All aumentare del volume di sangue che circola attraverso i vasi sanguigni, aumenta anche la pressione sulle pareti delle arterie.

Inattività fisica. Le persone che non svolgono attività fisica hanno una maggiore attività basale cardiocircolatoria. Più alta è la frequenza cardiaca basale, più il cuore deve lavorare ad ogni contrazione e più forte è la forza e pressione prodotta sulle arterie.

Uso di tabacco. Non solo il fumo o il masticare tabacco può determinare un immediato aumento temporaneo della pressione del sangue, ma le sostanze chimiche nel tabacco possono danneggiare il rivestimento delle pareti delle arterie inducendo aterosclerosi.

Troppo sale (sodio) nella dieta. Troppo sodio nella dieta induce un aumento di ritenzione idrica e conseguente aumento della pressione sanguigna.

Carenza di vitamina D nella dieta. E 'incerto se avere troppo poca vitamina D nella dieta può portare ad ipertensione. La vitamina D può influenzare un enzima prodotto dai reni che controlla la pressione sanguigna.

Abuso di alcol. Nel corso del tempo, bere molto può danneggiare il cuore e aumentare la pressione sanguigna.

Stress. Alti livelli di stress possono portare a un aumento temporaneo, ma drammatico, della pressione sanguigna.

Alcune condizioni croniche. Alcune condizioni croniche possono anche aumentare il rischio di pressione alta, tra cui colesterolo alto, diabete, malattie renali e apnea del sonno.

Anche se l'ipertensione è più comune negli adulti anche i bambini possono soffrirne a causa di problemi ai reni o al cuore. Tuttavia per un numero crescente di bambini, abitudini di vita scorrette, come ad esempio una dieta inadeguata e la mancanza di esercizio fisico, contribuiscono all’ipertensione.

CONTROLLI MEDICI E DIAGNOSI

La pressione sanguigna è misurata con un bracciale gonfiabile ed un manometro-misuratore. Una lettura della pressione sanguigna, data in millimetri di mercurio (mmHg), è composta da due valori il primo numero misura la pressione nelle arterie quando il cuore si contrae (pressione sistolica o massima), il secondo misura la pressione nelle arterie quando il cuore si rilassa (pressione diastolica o minima).

I valori delle misurazioni della pressione arteriosa possono rientrare in quattro categorie generali:

Pressione arteriosa normale. Valori pressori normali si attestano attorno ai 120/80 mm Hg. Tuttavia, alcuni medici raccomandano 115/75 mmHg come un obiettivo migliore. Quando la pressione sale sopra 115/75 mmHg, il rischio di malattia cardiovascolare inizia ad aumentare.

Pre-ipertensione. Valori costanti di pressione sistolica tra i 120-139 mmHg o di pressione diastolica tra gli 80 e gli 89 mmHg sono indice di pre-ipertensione. La pre-ipertensione tende a peggiorare nel tempo.

Ipertensione di stadio 1. Valori costanti di pressione sistolica tra i 140 e i 159 mmHg o di pressione diastolica compresa tra i 90 e i 99 mmHg sono indice di ipertensione di stadio 1.

Fase 2 ipertensione. Valori costanti di pressione sistolica uguali o superiori a 160 mmHg o di pressione diastolica uguali o superiori ai 100 mmHg sono indice di ipertensione più grave (fase 2).

Entrambi i valori in una lettura della pressione sanguigna sono importanti, tuttavia dopo i 50 anni quelli di sistolica sono ancora più significativi. L'ipertensione sistolica isolata, quando la pressione diastolica è normale, mentre la sistolica è alta, è il tipo più comune di ipertensione tra le persone di età superiore ai 50 anni.

Per diagnosticare l’ipertensione sanguigna sono necessarie almeno 2-3 misurazioni alterate ottenute in due o più appuntamenti separati. Questo perché la pressione sanguigna varia normalmente durante il giorno e, talvolta, in particolare durante le visite dal medico, una condizione chiamata ipertensione da camice bianco. Il medico può chiedere di registrare la pressione sanguigna a casa e al lavoro per fornire ulteriori informazioni.

In qualsiasi tipo di ipertensione il medico può raccomandare test di routine, come ad esempio un test delle urine (analisi delle urine), esami del sangue e un elettrocardiogramma (ECG) un test che misura l'attività elettrica del cuore. Il medico può anche raccomandare ulteriori test, come ad esempio un dosaggio del colesterolo, per verificare la presenza di altri segni di malattia cardiaca.

Controllare la pressione sanguigna a casa. Un modo importante per verificare se il trattamento della pressione sanguigna sta funzionando o per diagnosticare un peggioramento dell’ipertensione, è quello di monitorare la pressione sanguigna a casa. Misuratori di pressione a casa sono ampiamente disponibili e non c’è bisogno di una prescrizione per comprarne uno.

STILE DI VITA E RIMEDI

Cambiare lo stile di vita può aiutare a controllare e prevenire l’ipertensione.

Mangiare cibi sani. Mangiare frutta, verdura, cereali integrali e latticini a basso contenuto di grassi come componenti prevalenti di una dieta riduce il rischio di ipertensione indotta dalla dieta (DASH). Cibi ricchi di potassio possono aiutare a prevenire e controllare la pressione alta. Nel complesso è raccomandabile ridurre i grassi, in particolare quelli saturi.

Ridurre il sale nella vostra dieta. Un livello di sodio inferiore a 1.500 milligrammi (mg) al giorno è appropriato per le persone ultra 50enni e persone di ogni età che sono afro-americani o che hanno l'ipertensione, il diabete o una malattia renale cronica. Negli altri casi è raccomandabile un livello di sodio pari o inferiore a 2.300 mg. Oltre a controllare le quantità di sale utilizzato nei condimenti, si dovrebbe anche prestare attenzione alle quantità che sono già presenti nei “prodotti alimentari già pronti”.

Mantenere un peso sano. In caso di sovrappeso perdere anche 2-3 kg può abbassare la pressione sanguigna.

Aumentare l'attività fisica. L'attività fisica regolare può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e mantenere il peso sotto controllo.

Limitare gli alcolici. Anche in un individuo sano le bevande alcoliche possono aumentare la pressione sanguigna. Se si sceglie di bere alcolici, farlo con moderazione: fino a un bicchiere al giorno per le donne e per coloro di età superiore a 65 anni, e due bicchieri al giorno per gli uomini.

Non fumare. Il tabacco danneggia le pareti dei vasi sanguigni e velocizza il processo di indurimento delle arterie.

Gestire lo stress. Ridurre lo stress il più possibile.

data di ultimo aggiornamento: